AVVISO PUBBLICO PER L'ASSEGNAZIONE DI BUONI MIRATI, FINANZIATI CON FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA (F.N.A.), A SOSTEGNO DI FAMIGLIE CON PERSONE AFFETTE DA GRAVE DISABILITA' O NON AUTOSUFFICIENTI - MISURA B2

La domanda deve essere presentata entro il 29/09/2021

Data:
28 Giugno 2021
Immagine non trovata

L'Azienda Speciale Consortile “Oglio Po” ha pubblicato il presente Avviso che disciplina l’erogazione di buoni mirati per sostenere gli interventi volti a migliorare la qualità della vita delle famiglie e delle persone non autosufficienti, secondo quanto disposto dalla delibera della Regione Lombardia n. XI/4138 del 21/12/2020 e dalle successive delibere XI/4443 del 22/03/2021 “Fondo per il sostegno del ruolo di cura e assistenza del caregiver familiare – annualità 2018/2019/2020: programma operativo regionale” e n. XI/4562 del 19/04/2021 “Ulteriori risorse FNA 2020 per emergenza Covid 19”.

DESTINATARI DEGLI INTERVENTI - Possono accedere alla Misura B2 i residenti nei Comuni dell’Ambito territoriale di Viadana (Bozzolo, Commessaggio, Dosolo, Gazzuolo, Marcaria, Pomponesco, Rivarolo Mantovano, Sabbioneta, San Martino Dall’Argine, Viadana), regolarmente soggiornanti, che posseggono i seguenti requisiti:

  • persone di qualsiasi età, che evidenziano gravi limitazioni della capacità funzionale che compromettono significativamente la loro autosufficienza e autonomia personale nelle attività della vita quotidiana, di relazione e sociale assistiti al domicilio anche con l’aiuto di assistenti personali regolarmente assunti.

  • i cittadini diversamente abili di età compresa tra i 18 e i 64 anni per quanto concerne i progetti di vita indipendente (alle persone disabili gravi e gravissime viene garantita la continuità e l’estensione del programma con la presente annualità anche a coloro che hanno superato i 64 anni)

CHI PUO' PRESENTARE LA DOMANDA

Possono presentare la domanda i potenziali beneficiari non autosufficienti o le loro famiglie o gli Amministratori di sostegno/curatore/tutore o i loro caregiver.

L'istanza va presentata presso il Servizio Sociale di Base del Comune di residenza che segnala l’istanza nella sezione “Attività” del sistema informatico di gestione dei servizi sociali oppure, data l’attuale emergenza sanitaria, si potrà scaricare l’istanza dal sito istituzionale del Comune di residenza o da quello dell’Azienda Consortile Oglio Po ed inviarla via mail debitamente compilata.

Per la data di presentazione della domanda, farà fede la data attribuita in sede di protocollo.

REQUISITI PER PRESENTARE LA DOMANDA

Il potenziale beneficiario del buono mirato deve possedere, al momento della presentazione della domanda, i seguenti requisiti:

  • ISEE sociosanitario in corso di validità (ISEE 2021) con valore minore o uguale ad € 25.000 e ISEE ordinario (ISEE 2021) in caso di minori fino a un massimo di € 40.000;

  • Vivere al proprio domicilio assistito da un caregiver e/o da un’assistente familiare/personale assunta con regolare contratto. Per coloro che sono residenti nel territorio distrettuale ma domiciliati in altro Distretto il BUONO MIRATO non può essere erogato, essendo impossibile garantire i percorsi e le procedure previste dal presente documento;

  • Essere titolari di certificazione della condizione di gravità cosi come accertata ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 104/92 e/o di indennità di accompagnamento.

La domanda di accesso al contributo può essere comunque presentata anche da chi è in attesa di riconoscimento, purché sia dimostrabile che è già stata presentata istanza;

  • Ottenere un punteggio pari o superiore a 5 in seguito alla somministrazione della scala Triage.

Non sono destinatari della Misura B2 coloro che:

  • Sono ricoverati in strutture residenziali (RSA, RSD, CSS, HOSPICE, Misura Residenzialità per minori con gravissima disabilità) a tempo indeterminato;

  • Beneficiano della misura B1;

  • Ricevono un contributo da risorse di progetto di Vita Indipendente – PRO.VI –per onere assistente personale regolarmente impiegato;

  • Beneficiano del ricovero di sollievo nel caso in cui il costo del ricovero sia a totale carico del Fondo sanitario Regionale;

  • Sono presi in carico con Misura RSA aperta ex DGR n. 7769/2018;

  • Beneficiano del Bonus per assistente familiare iscritto nel registro di assistenza familiare ex l.r. n. 15/2015.

Non sono destinatari dei Progetti di Vita Indipendente coloro che:

  • Sono presi in carico dalla Misura B1 e B2

I progetti di Vita indipendente sono compatibili con i sostegni previsti per la Misura Dopo Di Noi ad eccezione del voucher residenzialità con l’Ente Gestore.

I requisiti devono essere mantenuti per tutto il periodo di svolgimento del percorso.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda deve essere presentata al Servizio Sociale di Base presso il Settore Servizi Sociali del Comune di residenza, nel periodo di apertura del bando, dal 29/06/2021 al 29/09/2021 oppure in alternativa potrà essere inviata all’indirizzo di posta elettronica del Settore Servizi Sociali del Comune di residenza. In entrambi i casi va corredata da:

  • ISEE sociosanitario in corso di validità (ISEE 2021) con valore minore o uguale ad € 25.000 e ISEE ordinario (ISEE 2021) in caso di minori fino a un massimo di € 40.000;

  • Copia del contratto di assunzione dell’assistente familiare/personale.

  • Certificazione della condizione di gravità cosi come accertata ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 104/92 e/o di indennità di accompagnamento.

  • Copia del verbale di invalidità.

Nel caso di accettazione dell’istanza a sportello, l’Assistente Sociale del Comune di residenza, al momento della recezione dell’istanza, verificherà il possesso dei requisiti di tale Avviso e somministrerà la scala Triage in formato cartaceo.

La domanda verrà poi acquisita con protocollo del Comune di residenza e segnalata dall’Assistente Sociale del Comune di residenza sul sistema informatico Klan nella sezione “Attività”.

In alternativa, l’Assistente Sociale del Comune di residenza, ricevuta e protocollata l’istanza tramite posta elettronica, procederà a contattare telefonicamente il richiedente per un colloquio telefonico e per la somministrazione della scala Triage.

Verificato il possesso dei requisiti di tale Avviso e somministrata la scala Triage, l’Assistente Sociale del Comune di residenza procederà alla segnalazione dell’istanza sul sistema informatico Klan nella sezione “Attività”.

Al fine di stabilire il rispetto dei termini del presente Avviso, sarà tenuta in considerazione la data di protocollo della domanda da parte del richiedente.

Per conoscere i criteri per la formazione della graduatoria, le risorse assegnate, l'ammontare del contributo economico e la decorrenza e la durate dell'erogazione della misura consultare l'avviso ed i relativi allegati qui di seguito